Sono Daniele Peracchia e il mio nome spirituale è Jai Mantra Singh. Sono un insegnante di Kundalini Yoga come insegnato da Yogi Bhajan. Viene chiamato lo yoga della consapevolezza ed è uno dei più completi: in una singola lezione si affronteranno esercizi di pranayama (respirazione), asana (posizioni), il rilassamento profondo, la meditazione con i mantra, mudra (posizioni delle mani) e banda (sigilli energetici). É utile per l’equilibrio di corpo, mente e spirito. Per questa tecnologia non è necessario essere flessibili e in forma, il Kundalini Yoga è adatto a tutti quelli che hanno voglia di sperimentare, impegnarsi e raggiungere qualsiasi tipo ti traguardo. 
Yogi Bhajan dice: “Questo non è lo yoga che si pratica in solitudine in cima a una montagna e fuori dalla realtà, è stato insegnato per la gente che lavora, che ha una famiglia e che è sottoposta agli stress di ogni giorno: nel mondo moderno in cui viviamo c’è una tremenda pressione, silenziosa ma precisa che ci sconvolge e ci possiede, a tal punto che non sappiamo se siamo reali o non reali”.
 
Mi sono formato anche come Naturopata presso la scuola Riza di Torino, specializzato in Thetahealing e Kinesiologia Applicata. 
Una mia seduta consiste in un colloquio utile per comprendere i disagi e le problematiche delle persona e strutturare un percorso adatto a lei. 
Utilizzo il Thetahealing per scovare le convinzioni limitanti e i condizionamenti che ci bloccano insieme alla Kinesiologia Applicata per lavorare sulle memorie cellulari. 
 

Yogi Bhajan diceva: “Quando sei davanti a un compito difficile… comincia!”. Questo è il mio motto, agire e raggiungere gli obbiettivi anziché vivere nutrendosi di sofferenza. Può non essere facile affrontare un percorso di rinascita, ma è così stupendo rinascere e riconoscerci nel benessere.